garanzia giovani
A scuola per imparare l’arte della cucina - Puntata RAI3 15/01/2017rai 2017
Irfip Istituto Religioso di Formazione ed Istruzione Professionale

Img
I nostri Partners

News >

 

COMUNICATO STAMPA - Corso “Addetto alla ristorazione” - Avviso pubblico n. 1/2017 “Iniziativa sperimentale di inclusione sociale per persone in esecuzione penale” – Linea 1



 L’Istituto Religioso di Formazione ed Istruzione Professionale – I.R.F.I.P. comunica che in data odierna è stato avviato il percorso formativo, denominato “Addetto alla ristorazione”.

Il percorso è stato finanziato dalla Sezione Formazione Professionale della Regione Puglia nell’ambito dell’Avviso pubblico n. 1/2017 “Iniziativa sperimentale di inclusione sociale per persone in esecuzione penale” – Linea 1.

Il corso della durata do 900 ore da realizzare in 12 mesi è finalizzato all’acquisizione della qualifica di “Addetto alla ristorazione” ed è rivolto a 10 persone detenute nell’Istituto di pena di Lucera (Fg).

L’intervento proposto, in coerenza con quanto previsto dall’Avviso, si configura come un percorso composito ed integrato (presa in carico, orientamento, formazione ed accompagnamento), rivolto a persone in esecuzione penale ed ha come obiettivo generale quello di fornire un ampio servizio di supporto ai processi di inclusione sociale e lavorativa dei ristretti e di miglioramento della qualità della loro detenzione.

Coerentemente all’obiettivo generale previsto dall’avviso di rendere esigibili i diritti sociali delle persone sottoposte a procedimenti giudiziari o a vincoli penali, in misura uguale ai cittadini liberi, l’intervento proposto intende garantire il diritto allo studio e alla formazione dei detenuti attraverso la realizzazione di un percorso formativo integrato che mira a potenziare le competenze professionali dei detenuti nonché a migliorare le relazioni sociali ed i rapporti interpersonali, al fine di ridurre le condizioni di discriminazione nel mercato del lavoro.

L’intervento formativo integrato proposto dall’I.R.F.I.P. risponde, altresì, all’esigenza generale dell’avviso di incrementare il livello di sicurezza per i cittadini, derivante dalla riduzione dei fattori della recidiva, attraverso la creazione di concrete condizioni di reinserimento sociale e lavorativo.

Il progetto vede attivamente coinvolti operatori del pubblico e del privato, operatori della giustizia, dei servizi sociali, del terzo settore. Sono partner di progetto:

 

  • Associazione Pratika
  • Associazione di promozione sociale “Solo Uguali Diritti”
  • Cooperativa sociale “Altereco”
  • Associazione di volontariato “Lavori in Corso”
  • Cooperativa sociale “Pietra di Scarto”
  • Società Cooperativa Sociale “Scurpiddu”

 

Il progetto, inoltre vede il coinvolgimento del “Consorzio Open”, Network nazionale con la finalità condivisa di combattere l’esclusione sociale e la recidiva di chi sta uscendo dal carcere e deve poter rientrare da cittadino nella comunità e nella piena legalità.





Powered by SoluzioniMediaweb